la trama

Giuseppe Sardella, medico nutrizionista e docente universitario, è un fervido sostenitore e difensore della Dieta Mediterranea e delle tradizioni.
Nel periodo natalizio, percorre chilometri per acquistare prodotti tipici, “genuini”, da consumare durante le festività. Come ogni anno nel tour lo accompagnano due amici e coinquilini, l’Avvocato Angelo de Angeliis e il portiere dello stabile Nicola Santofuosso. Come accompagnatore dell’impresa, la scelta quest’anno ricade sul nipote Antonio Sardella, che insieme con il fratello Tommaso, trascorre le vacanze natalizie a casa dello zio. Antonio è sentimentalmente legato a Elisabetta, una giovane giornalista che collabora con l’emittente televisiva e il magazine dove lavora il cugino Marco, figlio primogenito del Prof. Sardella.
Un giovane manager britannico, Matthew Webster, responsabile di un’importante società di import di vini, è in Italia, in Veneto, per lavoro e decide di trascorrere le vacanze natalizie in Campania, per visitare quei luoghi che sua madre gli ha raccontato fin da bambino. La visita è anche l’occasione per contattare alcune delle principali imprese vitivinicole del Sud Italia.

Matthew, a Napoli, si imbatte casualmente in Claudia, figlia di Giuseppe Sardella e ricercatrice universitaria in Beni Culturali. Qualche ora dopo i due si rincontrano ad Avellino, dove Claudia vive con la sua famiglia. Stringono amicizia e Claudia si offre di fargli da Cicerone per mostrargli i luoghi più significativi della città natale di sua madre. Dopo la visita del centro storico, Claudia lo invita a cena, dove Matthew conosce Marco, fratello di Claudia, e i cugini Antonio e Daniela, dalla quale il giovane manager resta particolarmente colpito.
Terminata la cena, Marco chiede a Matthew di accompagnarlo ad acquistare particolari qualità di vino, che il padre vuole avere in tavola per le festività natalizie.
Matthew intravede l’opportunità di conoscere importanti imprenditori del settore con i quali stringere eventuali rapporti commerciali.
Intanto Giuseppe, Angelo, Nicola e Antonio intraprendono il loro tour gastronomico tra borghi caratteristici e suggestivi dell’alta Irpinia. Fontanarosa e Calitri sono tappe obbligate per acquistare l’olio d’oliva e il famoso “caciocavallo podolico”, che il Prof. Sardella vuole produrre nella cantina di casa, grazie alla collaborazione del figlio Andrea, genio informatico, che gli ha già consentito di coltivare i pomodorini “ciliegini” nella serra creata nel giardino del condominio, attraverso l’utilizzo di appositi sensori per riprodurre le condizioni climatiche ideali.
Matthew e Marco, dopo aver visitato a Luogosano e Taurasi due rinomate aziende vitivinicole, si ritrovano per la cena in un agriturismo con Claudia, Daniela e sua sorella Annamaria. Qui, complice il panorama suggestivo e l’atmosfera natalizia, sboccia l’amore tra Matthew e Daniela.
I due raggiungono la Costiera Amalfitana, dove visitano Vietri sul Mare e Cetara. Matthew è affascinato dalla suggestività del paesaggio e dalle tradizioni artigianali e gastronomiche dei luoghi. Tutto sembra andare per il meglio quando Matthew riceve un sms che Daniela legge…
Intanto, Giuseppe, Angelo, Nicola e Antonio sono in Costiera Cilentana e visitano Agropoli, per acquistare il fico bianco, Capaccio, per la mozzarella di bufala, e Salerno per i prodotti ittici. Antonio consegna una lettera all’Avvocato Angelo De Angelis, che, rientrato a casa, leggendola farà un’inquietante scoperta…

LA BROCHURE

Il Film, in modo corale, presenta un’alternanza di situazioni e storie, ambientate in luoghi e borghi della Regione Campania. Il ritmo narrativo, con l’alternanza di situazioni comiche e momenti conflittuali, racconta le tradizioni popolari, le lavorazioni artigianali e i prodotti tipici enogastronomici, richiamando e valorizzando la Dieta Mediterranea, che ne diventa il filo conduttore e la metafora incarnata da un medico nutrizionista.
Un modo diverso, inusuale di raccontare un territorio, i suoi prodotti, le sue tradizioni e le sue bellezze naturali. Molte sono le tematiche affrontate, una trama avvincente e complessa che fa percepire allo spettatore sia la differenza con cui le generazioni vivono le tradizioni e le radici di un territorio, sia le problematiche familiari e il disagio giovanile.

Regia

Lucio Bastolla
Alfonso Perugini

Soggetto e Sceneggiatura

Alfonso Santaniello
Lucio Bastolla

note di regia

IL CAST

Giuseppe Sardella Lucio Bastolla
Angelo de Angeliis Felice Avella
Nicola Santofuosso Umberto Anaclerico
Antonio Sardella Antonio Santaniello
Yuliya Ostapenko Yuliya Mayarchuk
Matthew Webster Auro Tosi
Marco Sardella Alfonso Perugini
Rosa Sardella Tiziana D’Angelo
Elisabetta Russo Roberta Caruso
Daniela Iodice Diane Patierno
Claudia Sardella Jessica Anna Festa
Simona Grimaldi Simona Bocchino
Tommaso Sardella Tommaso Santaniello
Andrea Sardella Andrea Santaniello
Madre di Matthew Brunella Franca Maio
Michele Esposito Michele Vitale
Annamaria Iodice Serena Lauro

i personaggi principali

Yuliya Mayarchuk

Debutta in teatro nello spettacolo Il Lupo con Nino Frassica. Tra i lavori più rilevanti: i film Go go tales di A. Ferrara, con Williem Dafoe (presentato fuori concorso al festival di Cannes), In nome di Maria di F. Diaferia, La vita è una cosa meravigliosa di C. Vanzina con Gigi Proietti e Vincenzo Salemme; le serie tv Il lato oscuro di G. P. Tescari, La squadra, Distretto di Polizia 3 e Carabinieri 2, per la regia di R. Mertes, R.I.S. 5 – Delitti imperfetti, Don Matteo 6 regia di F. Costa, Incantesimo 7, Il maresciallo Rocca, Occhio a quei due, Il commissario Montalbano. In teatro recita in Miseria e Nobiltà, regia di A. Giuffré, e con Vincenzo Salemme in Il Bello di Papà.

LA TROUPE

Sandro Santaniello
Michele Vitale
Nicola D’Orta
Alfonso Perugini
Vincenzo Pardo

la troupe

Poggiando su una visione registica in linea con il cinema dei grandi maestri della commedia all’italiana, tra sorprese e delicati equivoci, 45 Good Wine conduce lo spettatore alla scoperta di una grande cultura popolare, ricca di storia, di monumenti e di chiese di rara bellezza. Un immenso patrimonio materiale e immateriale da promuovere e valorizzare. Comuni a forte attrazione turistica e culturale, decine di aziende di produzione artigianale, agroindustriale e di servizi, si sono rivelate preziose location cinematografiche, facendo di produttori e imprenditori, comparse e attori d’eccezione.

NOTE DI
PRODUZIONE

Produttori esecutivi

Alfonso Santaniello
Andrea Greco

Direttore di produzione

Maria Rosaria Capriolo

Ispettore di produzione

Sandro Santaniello

Segretaria di produzione

Virginia Rosania

la crew

Fotografia

Andrea Lunesu – Nicola D’Orta

Costumi

Elisabetta Guarino

Microfonista

Angelica Avallone

Assistente alla regia

Michele Vitale

Segretaria di edizione

Simona Bocchino

Color Correction

Andrea Lunesu – Sandro Santaniello

Scenografia

Sandro Santaniello

Fonico di presa diretta

Vincenzo Pardo

Make-up artists

Mara Cefalo
Chiara Pepe
Maria Dolores Stornaiuolo

Aiuto regista

Valentina Ficuciello

Montaggio

Alfonso Perugini
Valentina Ficuciello

MUSICA

Le musiche che accompagnano il film sono state composte e strumentate da Giorgio Fabbri, musicista e compositore di respiro internazionale. Nella sua lunga carriera ha collaborato con artisti come Luciano Pavarotti, Mirella Freni, Carla Fracci, e con attori di teatro come Arnoldo Foà, Moni Ovadia, Ottavia Piccolo, Paola Pitagora, Michele Placido, Claudia Koll.
Il grande musicista, lasciandosi ispirare dalle scene più significative del film, ha scelto le giuste note per accompagnare gli emozionanti dialoghi e le esilaranti battute di attori e personaggi.

Le musiche che ha composto per noi:

“45…Good Wine”
“From sadness to joy”
“Coffe break”
“Bachiana mind”
“In peace”
“Inner child lullubay”

Giorgio Fabbri

pianoforte, fisarmonica, virtual instruments

Isabella Fabbri

sax soprano

“Sono rare le voci che riescono a trasformare una nota musicale facendola diventare un’emozione, trasformando una canzone sentita mille volte così da rinnovarla a tal punto da farla sembrare ascoltata per la prima volta…”
Artista e cantante americana tra le più citate in ambito internazionale, autentica regina del palcoscenico dotata di una accattivante e carismatica personalità, capace di catturare e coinvolgere il pubblico, Cheryl Porter ha riservato per 45… Good Wine la sua straordinaria partecipazione.
Sonorità jazz e Gospel accompagnano parole profonde e ricche di pathos. Tematiche di pace, solidarietà e amore tra i popoli si trasformano in note di intensa profondità che arrivano dritte al cuore di chi le ascolta.

PARTECIPAZIONE
STRAORDINARIA di
Cheryl Porter

olio

“La Dieta Mediterranea è molto più che un semplice alimento. Essa promuove l’interazione sociale, poiché il pasto in comune è alla base dei costumi sociali e delle festività condivise da una data comunità, e ha dato luogo a un notevole corpus di conoscenze, canzoni, massime, racconti e leggende. La Dieta si fonda nel rispetto per il territorio e la biodiversità, e garantisce la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali e dei mestieri collegati alla pesca e all’agricoltura nelle comunità del Mediterraneo”.

la dieta mediterranea

logo_45

ll Film è stato realizzato nell’ambito del Progetto “CHIS – Cultural Heritage Informations System”, PON03PE_00099_1 – MIUR “Decreto di Concessione” D.D. del 17 Marzo 2014, prot. n. 0000951 – AVVISO D.D. 713/Ric. del 29 ottobre 2010 – Titolo III.

SEGUICI SU FACEBOOK

©2018 Conform – Consulenza Formazione e Management S.c.a.r.l. P.IVA: 01957750647 Privacy

Log in with your credentials

Forgot your details?